La vetrina del negozio: basta l’allestimento?

vetrina del negozio
Condividi

La vetrina per il negozio: croce e delizia di tanti commercianti protesi tra

  • scegliere i migliori allestimenti per la propria attività commerciale;
  • contenere i costi che il rinnovo ciclico della vetrina comporta.

Già perchè se è vero che la vetrina è una parte fondamentale del processo di vendita è anche vero che fare una bella vetrina è costoso.

Costano i materiali, lo studio, e spesso è necessario affidarsi ad un vetrinista per realizzare qualcosa di speciale.

Eppure per quanto si investa ci si focalizza quasi esclusivamente sulla estetica, sulla immagine esterna; in realtà dietro la vetrina del punto vendita c’è molto altro.

 

vetrina negozio

Guardare la vetrina di un negozio è come andare in libreria senza una meta precisa.

Ti è mai capitato di andare in una libreria e cercare un libro senza un titolo preciso?

Quale hai acquistato? Probabilmente quello che ha attirato la tua attenzione.

Forse era messo meglio degli altri, più in evidenza.

O forse la copertina, spiccava rispetto agli altri, o ancora il titolo ha attirato la tua attenzione, ti ha incuriosito.

O, semplicemente, dopo un po’ hai sentito la necessità di uscire dalla confusione, di cambiare aria e lo hai preso.

In qualche modo si è attivato un meccanismo che ti fa fatto passare dal desiderio all’azione e lo hai acquistato.

 

Lo stesso vale per la vetrina del negozio, soprattutto quando cerchiamo il genere (pantaloni per esempio) e non abbiamo chiara in mente l’idea della marca.

Spesso, troppo spesso, i commercianti dimenticano che non è solo importante la vetrina in sé (il libro) ma anche il contesto in cui la si presenta (la libreria) ed il posto il cui è situata la vetrina (lo scaffale del libro)

Come il libro è stato acquistato grazie non solo alla copertina in sé ma anche allo scaffale ed alla ambientazione della libreria, così quando si pensa all’allestimento di una vetrina, non ci si dovrebbe focalizzare solo sulla vetrina in sè.

È necessario porre l’attenzione anche al contesto in cui la vetrina è situata, ed alla via.

La vetrina del negozio, d’altronde, deve essere funzionale, deve rispondere ad un obiettivo di marketing.

La vetrina del tuo punto vendita, deve, in sostanza, aiutarti a vendere: Immagine o prodotto che sia il marketing è questo alla fine, è vendita.

Tutto riconduce a questa parola.

Troppo spesso allestimenti importanti in termini di investimenti economici e tempo, non rendono in termini di conversioni, di vendita.

Troppo spesso ci si avventura in strade cariche di enfasi, dimenticandosi la funzione base della vetrina.

Attenzione, non sto dicendo che la tua vetrina debba essere spoglia, o debba dimenticare i contenuti di design in nome di una vendita a tutti i costi.

Dico semplicemente di non scordare la funzione per la quale nasce una vetrina.

La vetrina del tuo negozio deve avere un duplice obiettivo:

  1. Comunicare il tuo posizionamento brand sempre e comunque;
  2. Spingere all’azione, cioè far entrare il cliente nel tuo punto vendita.

 

Comunicare il posizionamento del brand

Ricorda due assiomi base della comunicazione:

  1. tutto comunica
  2. non si può non comunicare.

Se scegli di non dare peso ed importanza alla vetrina, comunichi ai tuoi clienti che quello che presenti non è poi così importante od esclusivo.

Se scegli di non comunicare mediante la vetrina, stai scegliendo di regalare clienti ai tuoi concorrenti.

Spingere all’azione.

La vetrina del negozio ha un ruolo ben preciso: attrarre ed invitare ad entrare.

Chi guarda la vetrina deve essere stimolato ad entrare: questa “conversione” (come la chiamano nel marketing) è uno dei passaggi chiave per la vendita.

 

Allora quando si guarda una vetrina, perché questa si funzionale si devono analizzare anche altri aspetti, oltre quelli estetici.

Rispetto alla vetrina del negozio in sé è necessario:

  • 1

    Valutare le altezze

    Hai utilizzato le altezze giuste? Hai utilizzato le altezze giuste per il tuo influenzatore d’acquisto e per il tuo decisore di acquisto?.
    Mi raccomando nel definire le altezze della merce in esposizione valuta anche eventuali gradini esterni e marciapiedi in discesa.
    Spesso si realizzano vetrine bellissime… dall’interno.
    Poi quando si esce dal negozio, e le si guarda dall’esterno queste non sono più allineate alle altezze del target, ma ci si compiace talmente tanto del lavoro svolto da lasciarle così come sono!.

  • 2

    Valutare il flusso di persone

    Da dove arrivano? E come arrivano? a pieni o in auto?

  • 3

    Valutare il contesto in cui la vetrina è inserita

    Cosa c’è ai lati (destra e sinistra) della tua vetrina? Come queste altre attività influenzano la visione della tua? Come queste altre attività influenzano il percorso? Cosa puoi fare per migliorarla? Prova a scattare più fotografie e a valutare attraverso una immagine di insieme.

  • 4

    Valutare il passaggio delle auto

    Passano auto, le vetrine sono in prossimità di incroci con semafori? E previsto il parcheggio di auto di fronte alla tua vetrina?

  • 5

    Valutare l’esposizione della vetrina al target durante l’intero arco della giornata

    Chi passa accanto alla vetrina del negozio durante le differenti fasce della giornata, chi si sofferma? E di sera, quando la tua attività è chiusa? Hai mai fatto una passeggiata di sera, a negozi chiusi, per conoscere la vita della tu via? Se non lo hai ancora fatto ti suggerisco di farlo! Scoprirai che magari è utile modificare qualche fascia oraria di apertura per incrementare notevolmente le vendite.

  • 6

    Valutare la conversione

    Quante persone guardano, quante entrano sicuramente ci sono state vetrine o momenti in cui questa conversione ha funzionato di più. Perché?

 

Visto quante cose in una vetrina oltre il semplice allestimento?

Condividi
About The Author

Luigia

Luigia Gabriele Specialista in marketing retail per piccoli punti vendita indipendenti e shopper marketer. "Dopo tanti anni dedicati a lavorare personalmente con punti vendita indipendenti delle più disparate tipologie, ho deciso di riportare tutte le mie competenze sul web e di renderle disponibili a quanti come te hanno una attività commerciale. Credo che in un periodo di crisi come questo, in cui aprire la serranda è diventato una battaglia quotidiana, avere suggerimenti e consigli, e magari anche un luogo virtuale in cui trovare professionisti ed altri imprenditori con cui confrontarsi, possa essere fondamentale."

Lascia un tuo commento

2 Comments

Leave A Response

* Denotes Required Field